Bagel

Il pranzo per me è il pasto più importante della giornata. Da quando lavoro, a causa della pausa risicatissima di mezz’ora appena, onorarlo come si deve è diventato molto complicato.
Ma io non mi arrendo e non rinuncio a mangiare bene, anche se in poco tempo. E’ per questo motivo che, quando mi concedo un panino, opto per il bagel, una soffice ciambellina di origine polacco/ebraica, fragrante fuori e morbidissima dentro.
Il segreto della sua bontà sta nella doppia cottura: i bagel vengono sbollentati per qualche minuto, prima di essere infornati. Li ho provati per la prima volta in un locale specializzato in panini, frullati e zuppe (quindi perfetto per le mie frugali pause pranzo) di Catania e da allora non ne ho più potuto fare a meno.

E visto che trovarli a Trapani è una chimera, ho deciso di provare a farli in casa e devo dire che il risultato ha superato abbondantemente le mie aspettative. Ovviamente li rifarò presto, giocando un po’ con la ricetta e provando cose strane, ma se nel frattempo siete curiosi e vi va subito di provarli, ecco la ricetta base per voi.

Ingredienti

  • 150 gr farina di grano duro
  • 300 gr farina 00
  • 125 ml acqua
  • 125 ml latte
  • 1 uovo grande
  • 30 gr burro a temperatura ambiente
  • 10 gr lievito di birra fresco
  • 8 gr sale
  • 5 gr zucchero
  • semi di pavero per decorare
  • semi di sesamo per decorare
  • pecorino romano in scaglie per decorare

Versiamo nella ciotola della planetaria le farine, il lievito di birra, il sale, lo zucchero e l’uovo e aggiungiamo a filo l’acqua e il latte tiepidi, iniziando a impastare lentamente. Uniamo quindi il burro tagliato a pezzetti, sempre continuando ad impastare, e lasciamolo incorporare bene.

Lavoriamo l’impasto fino a che non sarà omogeneo e non appiccicoso (aggiungiamo una manciata di farina, se fosse necessario). Per capire se è pronto, tocchiamo l’impasto: se le nostre dita sono prive di impasto possiamo mettere a lievitare la pasta.

Trasferiamo l’impasto in una ciotola per la lievitazione e lasciamolo raddoppiare coperto dalla pellicola trasparente.

A questo punto, trasferiamo l’impasto lievitato su una spianatoia e dividiamolo in 8 parti uguali. Formiamo quindi con ciascuna di queste parti una piccola palla e lasciamole lievitare coperte da un canovaccio pulito per circa 30/40 minuti.

Nel frattempo in una pentola con diametro di almento 28/30 cm portiamo all’ebollizione l’acqua in cui andremo a bollire i nostri bagel.

Decorso il tempo di lievitazione, prendiamo delicatamente un panino tra le mani e gentilmente con l’aiuto delle dita creiamo un buco al centro di circa due centimetri. Ripetiamo l’operazione con tutti i panini messi a lievitare e riponiamo le ciambelline su un vassoio leggermente infarinato.

Adagiamo delicatamente tre/quattro bagel nell’acqua bollente e lasciamoli sbollentare per due minuti. Con l’aiuto di una spatola, giriamoli con molta attenzione e facciamoli bollire anche dall’altro lato per un altro minuto.

Rimuoviamoli dall’acqua usando la spatola e piazziamo i bagel in una teglia. Guarniamo i bagel a piacimento con semi di sesamo, semi di papavero o scaglie di formaggio. Io ho usato un pecorino romano dopo, ma potete utilizzare anche asiago dolce o piccante, in base al vostro gusto.

Informiamo a 180° fino a doratura. Sforniamo e lasciamo intiepidire prima di farcirli a come più ci va.

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. elisabettapend ha detto:

    buonissimi anche io li adoro, mipiace un sacco l’idea col pecorino!!!!

    Mi piace

    1. magamasa5 ha detto:

      Sono troppo buoni! 😋

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...